Back

Basket, serie B: torna ipotesi palaMacchia con deroghe per giocare la seconda parte della stagione

Condividi questo:

Stamani ho chiamato il dirigente allo sport Roberto Pandolfi e gli ho chiesto il quadro esatto dei tempi necessari per far tornare il pubblico al PalaMacchia. Mi ha detto che ci vorranno non meno di sei mesi. A quel punto ho telefonato al comandante dei vigili del fuoco, chiedendogli se fosse disponibile ad un sopralluogo congiunto per una valutazione della situazione che possa portare alla concessione di un’autorizzazione in deroga”.

Così il sindaco di Livorno Luca Salvetti ha raccontato nell’articolo pubblicato sulla cronaca odierna de Il Tirreno, un ritorno dopo l’allarme lanciato già nella giornata precedente sulla cronaca locale a fronte del ‘pericolo di sfratto’ delle due formazioni cestistiche di serie B, Libertas e Pielle, per disputare le proprie gare interne in trasferte, anche fuori città. Tutto questo dettato dalla situazione di imminente insostenibilità economica da parte dei club dei costi del Modigliani Forum (circa 6.000 euro per ogni weekend di partite) quando, a gennaio 2022, il Comune smetterà di fornire il proprio sostanzioso contributo a tali spese (40mila euro fino al 31 dicembre, con le due società poi pronte ad assumersi i costi della seconda parte della stagione, secondo i termini dell’accordo svelati dallo stesso Primo Cittadino, ndr).

“Chiederò una deroga in attesa che il palasport venga rimesso in pari con le normative sulla sicurezza. Spero che nel giro di alcune settimane ci siano le condizioni. A quel punto le due squadre potranno tornare a giocare al PalaMacchia, dove pagheranno come facevano prima, e noi risparmieremo i soldi dell’affitto del Modigliani” ha proseguito Salvetti. “Non riusciremo a farlo entro gennaio, dunque la prima soluzione è quella di ottenere delle deroghe, giustificate anche dall’imminenza dell’adeguamento alle normative”. Più remoto ma comunque sempre attuabile anche il piano B: la palestra de La Bastia. Una struttura con mille posti disponibili che quest’anno accoglie la serie B femminile, mentre tre anni fa ha ospitato il campionato di serie A2 di volley maschile dell’Acqua Fonteviva.