Back

Livorno rientra nella top ten nazionale dell’Indice di sportività 2021

Condividi questo:

Livorno e provincia in salita, rientrano nella top ten dell’annuale classifica stilata a livello nazionale per misurare l’Indice di sportività. Una graduatoria pubblicata quest’oggi su Il Sole 24 ore ed elaborata da PtsClas: un’iniziativa giunta all’edizione numero 15. La provincia della città dei Quattro Mori risale la china, tornando tra le magnifiche dieci d’Italia e soprattutto, primeggia guadagnando punti alla voce “sport, storia e cultura”.

Livorno, promossa anche dalla folta platea di atleti e tecnici che si sono guadagnati la partecipazione ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020+1 (e non solo al seguito della delegazione azzurra, come nel caso di Francesco Marrai per la vela brasiliana, Antonio Giacobbe alla guida del volley femminile della Tunisia e Nicola Zanotti del Fides che ha allenato la prima schermitrice indiana alle Olimpiadi) riesce a mettere la freccia ai danni di realtà anche più importanti geograficamente. Come Bologna (scesa all’undicesimo posto malgrado il primato nazionale dello scorso anno e nonostante i trionfi nelle classifiche parziali del basket e del nuoto) ma anche davanti a Bolzano e Vicenza, lasciati dietro dopo che erano state rispettivamente quarta e quinta nel 2020. L’indicatore di Livorno infatti è addirittura secondo nella speciale classifica per dirigenti e tecnici iscritti al CONI, inferiore solo a quello triestino.

Tratto da Il Sole 24 Ore del 27/9

L’Indice di sportività è calcolato su 36 indicatori suddivisi in quattro categorie. Invariata la metodologia rispetto allo scorso anno, ci sono invece cinque nuovi indicatori: tre relativi ai risultati di Tokyo (maschili, femminili e paralimpici) e uno ai luoghi di nascita degli azzurri ai Giochi dal 2000 a oggi, più uno riguardante le discipline sportive associate. I quattro indicatori del 2020 relativi all’impatto della pandemia sullo sport sono stati assemblati in un unico indice che va letto “al contrario”. Data la ridotta attività, non si è considerata la voce “Amatori e Master”. Infine sono state unificate storia e cultura sportiva.

In complesso sul podio salgono 53 province di 17 regioni (mancano solo Calabria, Umbria e Basilicata): la stessa Trieste con otto podi precede Livorno che si è accomodata tra i primi tre ben cinque volte.

QUI TUTTE LE CLASSIFICHE NEL DETTAGLIO