Back

Undici metri maledetti per la PLS che cade col Seravezza (8-7 dcr): non bastano Rossi e Canessa

Condividi questo:

Impegno sfortunato per la Pro Livorno Sorgenti che nel primo turno di Coppa Italia cede sul campo di Sarzana, occasionalmente per oggi casa del Seravezza, vista l’impossibilità di usare il Buon Riposo. Un po’ di turnover rispetto a domenica per Mister Niccolai che torna in panchina dopo la squalifica nella prima giornata di campionato. In porta Blundo, quindi la difesa con Lotti, Klej, Salemmo e Bertelli; in mezzo al campo è Turini il playmaker con Filippi e Tartaglione ai lati; in avanti tridente Camarlinghi, Granito e Matteoli.

Dopo un primo tempo senza particolari emozioni, nella ripresa si scatena la partita: su una respinta di Blundo che salva un tiro ravvicinato, il più lesto di tutti è Benedetti che prosegue nel suo momento d’oro con cinque gol in tre partite. Ma i biancoverdi non ci stanno e prima pareggiano con Rossi che trasforma un calcio di rigore assegnato per fallo su Granito. E poi la ribalta con un gol di Canessa su assist proprio di Rossi trova il pertugio giusto dal limite dell’area. La partita è apertissima ed il Seravezza pareggia sul 2-2: cross dalla destra che attraversa tutta l’area e trova sul secondo palo Del Frate che con un destro a incrociare batte Blundo, SUl finire del tempo la PLS ha nua doppia chance clamorosa, ma nel primo caso è la traversa a dire di no a Canessa, mentre nella seconda Rossi dal dischetto si fa ipntozziare da Lagomarsini ed anche Granito sulla respinta non trova il tap-in. Ai calci di rigore tanti errori da una parte e dell’altra, ma è la PLS con la realizzazione mancata da Solimano a cedere ad oltranza e confermare un feeling con il dischetto che oggi non ha premiato i livornesi.