Back

Serie D, PLS: Canessa e Camarlinghi abbattono il Flaminia (2-0). COMMENTO E PAGELLE

Condividi questo:

La Pro Livorno Sorgenti parte bene e sul campo sintetico del Loris Rossetti di Cecina supera per 2-0 un ottimo Flaminia con le reti di Canessa e Camarlinghi. Biancoverdi meno fluidi in attacco e senza creare grandissime occasioni da gol, ma cinici nelle poche opportunità concesse dai laziali e abili a resistere nell’arco della partita alle avanzate della squadra di Rambaudi. Adesso mercoledì impegno in Coppa con il Seravezza e poi domenica trasferta ostica sul campo del Cannara.

LA PARTITA

In panchina per i biancoverdi c’è Bonini, visto che Niccolai doveva ancora scontare una giornata di squalifica dallo scorso campionato. La scelta per la prima gara ufficiale è il solito 4-3-3 con Blundo in porta, Solimano, Falleni, Videtta e Bertelli in difesa, Bachini da playmaker e Costanzo e Tartaglione ai suoi lati. In avanti tridente Rossi, Camarlinghi e Canessa.

Dopo un inizio di studoi tra le due formazioni è il Flaminia a prendere decisamente in mano il pallino del gioco: al 12′ bello scambio sulla destra tra Ancillai e Lazzarini con quest’ultimo che conclude a botta sicura, ma Falleni a pochi metri dalla linea di porta salva i suoi. Al 16′ dopo un batti e ribetti al limite dell’area, Sciamanna si coordina al volo e trova il palo lontano, ma il legno interno salva Blundo e la PLS. Al 23′ ancora i laziali con una bella azoine manovrata che parte da sinistra e si conclude a destra dove Traditi fa patrire un destro in diagonale che termina non distante dalla porta di Blundo. Al 27′ alla prima vera occasione la PLS passa in vantaggio: schema da corner con Camarlinghi che libera Rossi, cross al centro dove Canessa è il più lesto di tutti e trova la deviazione vincente. Al 31′ gli ospiti tornano immediatamente a farsi pericolosi, quando su una palla alta Falleni legge male la traiettoria e libera Sciamanna che conclude in volèe a botta sicura, ma Blundo mura miracolosamente e mantiene la porta inviolata. Al 40′ tornano a farsi vedere i padroni di casa con Rossi e Costanzo che scambiano alla grande, ma il destro del centrocampista è ben disinnescato in angolo da Della Pina. Al 41′ nuova chance Flaminia: tripla mischia in area piccola su cui prima Blundo poi i difensori salvano definitivamente in corner.

Nella ripresa subito fuori Tartaglione per Filippi con Bachini che si sposta mezz’ala. Al 47′ scarico di Rossi proprio per Filippi che dal limite ci prova, ma il destro termina fuori di poco. Al 58′ break di Solimano che ruba palla e si invola sulla destra: tiro-cross su cui Canessa non arriva per poco. Al 61′ Sciamanna dopo una serie di spizzate si ritrova il pallone al limite dell’area, ma col mancino conclude malamente a lato. Al 63′ raddoppio biancoverde: sugli sviluppi di corner, Camarlinghi raccoglie la palla sul limite laterale dell’area e trova una splendida parabola a giro che si va ad insaccare alla spalle del portiere grigionero. Al 73′ occasione ospite: cross di Sirbu, sulla respinta Pauan è il più rapido di tutti, ma il sinistro ad incrociare termina fuori di poco. Sul capovolgimento di fronte contropiede del tridente biancoverde: Granito imbecca Camarlinghi che cerca Rossi, ma il sinistro del capitano è debole. All’89 il solito Sirbu, migliore dei suoi, fa partire un bolide dai trenta metri che si stampa sulla traversa e non riesce ad accorciare il risultato in vista dle finale.

LE PAGELLE

Blundo 7: fortunata la parata col volto sulla girata di Sciamanna ma il posizionamento era perfetto e il miracolo vale un gol. Bene, molto bene in uscita.

Solimano 6.5: parte soffrendo l’eclettico Sirbu, ma col passare dei minuti crecìsce in fase difensiva trovando le giuste misurae ed in fase di possesso non fa mai mancare il proprio apporto.

Falleni 6.5: un salvataggio che vale un gol ed una sbavuatura che rischiava di costare cara. Nel mezzo tanta sicurezza e la solita gesione da leader.

Videtta 7: giganteggia in fase difensiva con personalità e grande tempismo in chiusura. Imposta bene da dietro e talvolta esce anche alla grande con la palla al piede.

Bertelli 5.5: esordio timido per il classe 2003 che in fase offensiva non si vede praticamente mai e in quella difensiva ogni tanto soffre le scorribande ospiti.

Bachini 6.5: meglio da playmaker che da mezz’ala. Nel primo tempo con dinamismo e qualità fa trovare le giuste geometrie nello stretto, meno preciso quando cerca la gittata più lunga, ma la personalità è quella giusta. (67′ Turini 6: col suo ingresso Filippi fa mezz’ala e lui si mette davanti alla difesa. Buona la gestione in entrambe le fasi con la PLS che va in controllo nel finale).

Costanzo 6.5: alterna grandi strappi a qualche errore di troppo, ma nel mezzo ci sono decine di chilometri macinati ed una presenza fondamentale in mezzo al campo.

Tartaglione 5.5: nel primo tempo sulla sinistra la PLS soffre e lui anche in fase di possesso non riesce a trovare le giuste zone di campo dove far male agli ospiti, soffrendo la fisicità del centrocampo laziale. Come per Costanzo però è un motorino instancabile. (46′ Filippi 6.5: metronomo davanti alla difesa, mette ordine quando c’è bisogno e fa da diga sulle avanzate ospiti. Sfiora anche il gol appena entrato.)

Rossi 5.5: da uno che segna 17 gol in campionato ci si aspetta sempre che sia pericoloso in zona gol. Oggi lavora più per la squadra e trova l’assist per per Canessa, ma la condizione non è ancora quella dei giorni migliori. Arriverà.

Camarlinghi 7: il primo tempo fatica a sfondare sulla sinistra, perchè dopo l’acciacco della scosra settimana anche per lui manca la brillantezza giusta. Ma nella ripresa trova il gol che spacca la partita e prima di uscire si sacrifica facendo il tornante. (’80 Matteoli: SV)

Canessa 7: un pallone toccato in area, un gol. Alla PLS serviva questo e lui dimostra di poter essere l’uomo giusto sin da subito. Un’ora abbondante di lotta con la difesa ospite e grande pressione in fase difensiva. (72′ Granito 6: fa salire bene la squadra nel finale e spinge bene i contropiedi poi non concretizzati dai compagni).

Foto: Pro Livorno Sorgenti | Foto Novi