Back

Nuoto, Olimpiadi: si ferma in semifinale la corsa di Fangio e Razzetti

Condividi questo:

Niente finale per entrambi. Sfuma il sogno a Tokyo di entrare tra i migliori otto olimpici sia per la livornese Francesca Fangio nei 200 rana femminili, sia per Alberto Razzetti nei 200 misti, ligure che si allena ormai da un anno con il tecnico federale Stefano Franceschi e tutto il gruppo Livorno AQuatics alla piscina Camalich.

Purtroppo ‘Chicca’ Fangio è arrivata un po’ scarica alla semifinale, chiudendo quindicesima in 2’27″56, un tempo ben lontano dal record nazionale che porta la firma proprio della ventiseienne già sesta agli europei di Budapest. “Non ero in gara, non avevo energie – ha raccontato nel dopo gara la tesserata per In Sport Rane Rosse – Avevo i crampi alle gambe già dal riscaldamento dove nuotavo due secondi in più del migliore. Sono contenta dell’esperienza, non della prestazione”.


Razzetti, già ottavo nei 400 misti, non riesce a bissare un’altra finale olimpica. In realtà, ‘Razzo’ resta estromesso per appena sei centesimi: 1’57″70 il suo tempo, leggermente più indietro rispetto a quello dell’eterno Laszo Cseh che, alla quinta olimpiade, mostra ancora la propria classe in 1’57″64. “In queste gare ci vuole un po’ di fortuna – ripete il 22enne, doppio bronzo europeo a Budapest – A sei centesimi dalla finale brucia. E’ stata una bella esperienza. Chiudo una stagione comunque super positiva”.

📸 Deepblumedia