Back

Campus paralimpico: l’eccellenza dello sport disabile in provincia

Condividi questo:

Dalla collaborazione instaurata tra il Comitato Paralimpico Italiano – Toscana e l’Ambito Costa degli Etruschi, nel percorso di riconoscimento di Comunità Europea dello Sport 2022, si è concretizzata l’opportunità di organizzare un Campus Paralimpico estivo, unico a livello nazionale. Cinque giorni di full immersion per avvicinare dieci persone non sportive (il massimo consentito con le norme in vigore per l’emergenza Covid 19), con invalidità civile a praticare otto discipline paralimpiche.

I partecipanti al campus hanno soggiornato presso il Villaggio La Buca del Gatto di Marina di Cecina, selezionato dal Comitato Italiano Paralimpico-Toscana, dopo un sopralluogo che ha permesso di verificarne la completa accessibilità e un’ottima presenza d’impianti sportivi, interni alla struttura. Tennis e basket in carrozzina sono tra gli sport protagonisti, così come quelli di mira e precisione, tiro con l’arco e tiro a segno. Si è nuotato nella piscina e si è praticato anche attività di orienteering all’interno del parco del villaggio. Inoltre è stato allestito uno spazio per la scherma in carrozzina e per le bocce. Le attività sono state gestite da venticinque tecnici di disciplina, specializzati, capaci di adattarsi alle diverse tipologie di disabilità. Il Campus Paralimpico è un’iniziativa nata in seno al Comitato Italiano Paralimpico – Toscana, con l’inalterato obiettivo di offrire una nuova opportunità a persone di ogni età di avvicinarsi allo sport paralimpico per poi poter seguire, attraverso le federazioni di riferimento, la possibilità di proseguire la pratica. Tanti sono infatti i benefici che lo sport paralimpico comporta a livello fisico, mentale e soprattutto sociale come dimostra lo spirito di gruppo che si è creato dopo i primi giorni. 

Massimo Porciani, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Toscana, ha espresso grande soddisfazione nell’incontro avuto con gli Amministratori dell’Ambito che sono andati a salutare gli atleti: “CIP Toscana è riuscita ad organizzare l’unico Campus Paralimpico, a livello nazionale, riuscendo a convivere con le problematiche relative alla pandemia. Anche in questo caso, nel pieno rispetto delle regole, il Campus si sta rivelando un grande successo: è sotto gli occhi di tutti quanto lo sport faccia bene e sia capace di aggregare le persone. Questo è il nostro scopo”.

Il Vice Sindaco Antonio Costantino con il Consigliere delegato allo Sport Mauro Niccolini del Comune di Cecina (Capofila del Prodotto Sportivo dell’Ambito) e Cristiano Pullini, Assessore del Comune di Castagneto Carducci (Capofila dell’Ambito Turistico Costa degli Etruschi), hanno sottolineato: “Queste iniziative sono la massima espressione di quanto lo sport possa essere terapeutico per queste persone speciali che riescono, con il loro entusiasmo, ad elevare anche coloro che, volontariamente, sono di supporto per l’iniziazione alle pratiche sportive. Entusiasmo da un lato e gratificazione dall’altro. Siamo veramente felici che il nostro territorio possa essere un punto di riferimento per questi progetti, grazie, soprattutto, all’importante collaborazione con il CIP Toscana”.

Quindi ha concluso Stefano Ridi (Coordinatore dell’Ambito per il turismo sportivo) “Ritengo questi percorsi di inclusione nello sport, come nella vita di tutti i giorni, sinceramente importanti ed il partenariato con il Comitato Italiano Paralimpico – Toscana, produrrà nuove importanti iniziative, che confidiamo di poter comunicare, a brevissimo. In estrema sintesi, a conferma di quanto enunciato, alcuni dei partecipanti hanno manifestato la volontà di voler proseguire con l’attività sportiva e l’obiettivo dell’aggregazione e della socialità è stato, quindi, sicuramente raggiunto.”

📸 Ambito Costa degli Etruschi