Back

La PLS si ritrova e impatta col Lentigione (1-1): di Granito il gol del pari. LE PAGELLE

Condividi questo:

La Pro Livorno 1919 Sorgenti era chiamata a rispondere dopo le ultime prestazioni non proprio soddisfacente e lo ha fatto fronteggiando alla grande una squadra in formissima come il Lentigione che arrivava da sei vittorie nelle ultime sette partite. Partita giocata a viso aperto dalle due formazioni: ospiti in vantaggio con Barranca, raggiunti un quarto d’ora più tardi dal gol di Granito. PLS al quarto posto in classifica a 40, mentre il Lentigione, con na partita da recuperare, sale a 49 a -3 da Aglianese e Fiorenzuola appaiate in testa. I biancoverdi devono stare attenti alla “forbice” di 10 punti per riuscire a disputare i playoff.

LA PARTITA

Niccolai opta per il canonica 4-3-3 con Blundo in porta, Petri a destra, Falleni D. a sinistra e la coppia centrale composta da Bartorelli e Falleni M. In mezzo al campo Bulli playmaker con Costanzo e Bachini ai lati. In avanti tridente Rossi, Granito e Camarlinghi.

Le due squadre giocano a viso aperto e cercando di avanzare attraverso un fraseggio piuttosto organizzato, ma nei primi minuti nessuno dei due attacchi riesce a rendersi pericoloso. Rossi al 11′ ci prova su punizione, ma il tiro è molto debole e Sorzi controlla tranquillamente. Prosegue l’equilibrio tra le due compagini, il gioco è frizzante e rapido ma non ci sono occasioni, almeno fino al 32′ quando Staiti recupera palla e imbuca per Caprioni ma il suo sinistro viene fermato dal palo a Blundo battuto. Al 42′ ancora Lentigione con uno scampio tra Barranca e Caprioni, quest’ultimo va al tiro ma Bartorelli devia in corner salvando i suoi. Sul tiro seguente dalla bandierina, il colpo di testa di Zagnoni esce di centimetri.

Nella ripresa invece le opportunità per le due squadre arrivano fin da subito. Al 47′ un tiro del solito Caprioni è ben respinto da Blundo, il èiù lesto di tutti sul pallone vagante è Staiti che da posizione defilata scheggia il palo. Al 50′ gli ospiti passano: cross da destra, in area si crea una carambola sfortunata che vede il pallone dirigersi verso la porta, ma Blundo vola e salva sulla linea, con la respinta che però arriva a Barranca che da due passi mette dentro. I biancoverdi reagiscono immediatamente con un indiavolato Camarlinghi che cerca il tiro, la palla viene deviata da un difensore ospite, forse con il braccio ma il direttore di gara lascia proseguire. Al 64′ il neoentrato Matteoli semina il panico sulla destra. salta tre uomini e cerca il tiro in porta, ma Tarantino in scivolata salva e devia fuori. Il pareggio è nell’aria e arriva al 66′: tiro cross da sinistra di Rossi, il vento trae in inganno Sorzi che smanaccia in maniera sbilenca e Granito da due passi mette dentro l’1-1. Al 74′ Camarlinghi scappa via sulla sinistra e viene atterrato nei pressi dell’area di rigore, l’arbitro sostiene che il fallo sia iniziato fuori dall’area, ma i dubbi restano e le proteste locali sono veementi. Al 79′ tornano a farsi vedere gli ospiti con un colpo di testa di Zagnoni, bloccata senza patemi da Blundo. Nel finale il Lentigione ne ha di più e sfiora il pareggia sia all’82 quando Staiti da buonissima posizione anzichè calciare cerca un assist al centro senza trovare nessuno e al 91′ quando dopo un slalom tra due giocatori Barranca prova il mancino, ma la deviazione di Falleni M. salva la PLS. E’ l’ultima occasione di una partita molto piacevole, tra due squadre che hanno dimostrato di meritare le rispettive posizioni in classifica.

LE PAGELLE

Blundo 6.5: sul gol non ha colpe, anzi salva sulla linea lo sfortunato rimpallo precedente. Bene anche in un paio di uscite non semplici e nel corso dei 90′.

Petri 5.5: non una delle migliori versioni del “treno biancoverde”. Nel primo tempo perde una palla sanguinosa che porta al palo di Caprioni e anche in fase di spinta non riesce ad incidere come fa di solito.

Falleni 6.5: uno dei migliori dei suoi quest’oggi. Guida la difesa con grande carisma e intelligenza, ha il pregio di salvare nel finale sul tiro di Barranca, una sconfitta sarebbe stata davvero troppo.

Bartorelli 6: torna in campo dopo mesi di assenza e lo fa con qualche sbavatura, ma era davvero difficile chiudergli di più proprio per un ritmo gara che non poteva avere. Nel primo tempo salva alla grande su Caprioni.

Falleni 5.5: soffre abbastanza dalla sua parte, dove il terzino ospite Dodi va spesso a creare superiorità numerica e lo mette in difficoltà. (59′ Lucarelli 6: alterna ottime giocate a soluzioni troppo confusionarie. La sua spinta è importante nel forcing biancoverde anche se dietro concede con un paio di distrazioni).

Bulli 6: parte un po’ contratto appoggiandosi spesso all’indietro, senza guardare in verticale. Con il passare del tempo cresce di tono e nella ripresa si fa notare anche un paio di riconquiste importanti. (75′ Turini: SV)

Costanzo 6.5: non riesce ad inserirsi come in altre gare, ma la sua corsa e il suo dinamismo sono vitali per dare equilibrio alla fase difensiva dei biancoverdi. Adesso un turno di riposo per la squalifica, così potrà recuperare qualche energia.

Bachini 5.5: non riesce ad incidere sulla partita come vorrebbe. Un po’ fuori dal gioco e meno pimpante di altre volte. ( 59′ Matteoli 6.5: entra veramente bene con un coast to coast da altre categorie e dà la svolta alla partita. Quello che serviva.)

Rossi 6.5: tutte le azioni partono o passano da lui che sembra esser tornato su ottimi livelli. Propizia il gol di Granito e nel corso dei 90′ è sempre un pericolo per gli ospiti. Nel secondo tempo si sacrifica alla grande da mezz’ala.

Granito 7: soprattutto nel primo tempo si vede pochissimo e non riesce a legare il gioco come fa solitamente, ma agli attaccanti si chiede di segnare e il gol di oggi vale triplo. Per il morale e per interrompere una serie negativa che poteva diventare pericolosa. (’85 Mancini: SV)

Camarlinghi 7: nei 90′ è il migliore dei suoi. Fa impazzire il diretto avversario che salta sistematicamente e su cui sembra esserci anche il rigore. Peccato che sui tanti cross messi la PLS non arrivi mai a battere a rete come dovrebbe.