Back

Bentornata PLS: un gol di Mancini nel recupero regala ai biancoverdi il successo sulla Correggese (1-2). LE PAGELLE

Condividi questo:

Dopo un periodo non brillantissimo e anche un po’ sfortunato, la Pro Livorno 1919 Sorgenti torna al successo contro la Correggese (1-2), squadra in zona playoff che ha dimostrato tutto il proprio valore nell’arco dei 90′. La squadra livornese dopo un ottimo primo tempo ha subito il pari proprio sul finire della prima frazione e nella ripresa sono stati i locali ad avere maggiormente il pallino del gioco in mano, ma nel finale un gol di Mancini ha regalato una vittoria di capitale importanza alla squadra di Niccolai, abile a soffrire e sfruttare l’occasione giusta con il suo attaccante.

LA PARTITA

Il tecnico labronico conferma il suo 4-3-3 con Vozza in porta (Blundo out nel riscaldamento), Solimano a destra, Lucarelli a sinistra e la coppia centrale formata da Carani e Salemmo. In mezzo al campo Filippi da vertice basso, Brizzi e Costanzo ai suoi lati e davanti Casalini a destra, Matteoli a sinistra e Granito al centro.

La gara inizia subito in discesa per la PLS che dopo 9′ è in vantaggio: sul giro palla difensivo Calanca alleggerisce male su Sottoriva, che non controlla la sfera, anche complice un terreno non perfetto, e il pallone va dritto in porta per il più classico dei ‘gollonzi’. La squadra di casa dopo aver incassato il duro colpo prova a reagire e lo fa al 16′ con un colpo di testa largo di Calanca. Ancora Correggese al 31′ quando Fabbri serve Villanova che spreca clamorosamente da due passi mandando a lato. Al 37′ Solimano mette al centro un cross interessante, la difesa locale allontana male, ma Granito viene murato al momento del tap-in. Al 45′ biancoverdi in contropiede con Casalini che serve Matteoli ma il destro è debole e Sottoriva blocca. Sul capovolgimento di fronte, Landi semina il panico sulla destra, mette al centro dopo Carrasco non sbaglia il piazzato e trova l’angolino: 1-1.

Nella seconda frazione i locali alzano decisamente il baricentro e pressano con grande intensità, con la PLS che fa fatica ad uscire e si abbassa notevolmente. All’11 su corner, la palla arriva a Carrasco in area piccola, ma Vozza per due volte è miracoloso e salva i suoi. Al 17′ risposta labronica: Matteoli trova il filtrante, velo di Casalini e Costanzo a tu per tu con il portiere manda clamorosamente alto. Nella seconda parte della ripresa è la Correggese a dominare la partita ed i biancoverdi soffrono come al 20′ con una punizione di Vilanova che esce di poco. Al 22′ è Landi che mette al centro dove Diallo colpisce a botta sicura, ma Vozza si supera ancora e tiene il risultato sul pareggio. Al 25′ ci prova Turini dalla distanza ma Sottoriva blocca facilmente ed al 37′ è Saporetti che da buona posizione viene murato dalla difesa livornese. Si entra nei minuti di recupero con le due squadre stanche che collezionano tanti errori ed il pari sembrerebbe scritto, ma al 92′ su un lancio di Granito, Mancini scappa via alla difesa e trova il pertugio giusto, con Sottoriva in uscita, per l’1-2 biancoverde.
Una vittoria importantissima per la squadra di Niccolai, nonostante le tantissime assenze (anche Petri, oltre ai soliti noti), che rilancia le ambizioni di playoff della PLS, adesso da sola al terzo posto, anche se tutte le rivali hanno gare da recuperare. Un successo che evidenzia come la Pro Livorno sia più viva che mai e sappia giocarsela con tutti nonostante le defezioni.

LE PAGELLE

Vozza 7.5: non va minimante rimpiangere il compagno Blundo e nella ripresa salva miracolosamente per tre volte. Soprattutto la parata su Diallo di altissima difficoltà. Deve migliorare in uscita, ma il tempo è dalla sua parte avendo solo 18 anni.

Solimano 6.5: attento in fase difensiva, spinge meno rispetto al solito, ma dalla sua parte la Correggese non passa praticamente mai.

Carani 6.5: nella ripresa la difesa viene sollecitata spesso e lui risponde praticamente sempre presente. Lascia un po’ troppo spazio a Diallo, ma Vozza lo salva e lui nel finale sale decisamente di tono alzando il muro sulle avanzate emiliane.

Salemmo 6: discorso simile al compagno di reparto, nel corso dei 90′ è solido in anticipo e ben piazzato in ogni situazione. Sul gol locale però si lascia scappare Landi con veramente troppa facilità e sulla valutazione pesa.

Lucarelli 6: molto bene in spinta sulla fascia, anche se talvolta manca un po’ di qualità al cross. Nel primo tempo controlla senza grossi patemi, mentre nella ripresa dalla sua parte la Correggese si fa pericolosa e Niccolai lo sostituisce. ( 69′ Falleni 6: entra bene in partita e chiude le avanzate locali. Meno spinta rispetto al compagno, ma era quello che serviva in quel momento della gara.)

Filippi 6.5: grande esperienza sia in fase difensiva che nella gestione dei possessi, anche se quest’oggi non era semplice viste le condizioni del terreno di gioco. La sensazione è che in queste trasferte ostiche sia fondamentale per i suoi.

Costanzo 5.5: non riesce ad entrare troppo in partita e si divora il vantaggio sparando alto su assist di Matteoli. Encomiabile però per il sacrificio e nel finale chiude addirittura da esterno.

Brizzi 5.5: parte bene e la PLS gioca molto dalla sua parte, poi nel corso della partita si eclissa e fa fatica a trovare campo per le sue percussioni, tant’è che Niccolai lo richiama. (’69 Turini 6: subito in partita. Ordinato e senza fronzoli, ma nel secondo tempo serviva la spada e non il fioretto.)

Casalini 5.5: avrebbe più volte lo spazio per puntare il diretto avversario e fare male alla difesa ospite, ma non riesce ad essere troppo incisivo. Bello il velo per Costanzo e da applausi il solito sacrificio nell’arco della gara, ma da un esterno ci aspettiamo qualche guizzo in più, proprio perchè il potenziale lo ha. ( 87′ Brini: SV).

Granito 6.5: soprattutto nel primo tempo fatica a trovare gli spazi giusti, mentre nella ripresa sale di tono ed anche da esterno si rende molto utile alla causa. La ‘preghiera’ finale verso Mancini vale i tre punti.

Matteoli 6: alterna ottime giocate come nell’occasione di Costanzo, ad alcune occasione in un cui avrebbe spazio per far male, ma si perde in dribbling o manca di cattiveria. Nel complesso però la prova è buona e sembra in crescita rispetto alla settimane passate. ( 76′ Mancini 7.5: e di più che vuoi? Entra e lotta contro la difesa locale nonostante gli arrivino palloni sporchi dalle retrovie. Uno di questi lo trasforma in oro, approfittando dell’incomprensione tra i due giocatori della Correggese, e freddando Sottoriva con un colpo da biliardo).