Back

Volley, A2 maschile: partenza sprint per Montagnani a S.Croce

Condividi questo:

Con la stessa pallavolo labronica, sia essa maschile che femminile, messa in stand by almeno sino a gennaio prossimo dall’emergenza Covid-19 in atto, c’è da segnalare però un nome livornese che ha di che gioire di quest’inizio di stagione del volley. Stiamo parlando di coach Paolo Montagnani, che al timone dei cugini pisani della Kemas Lamipel Santa Croce, ha infilato un enplein di quattro vittorie in altrettante uscite in serie A2 maschile. L’ultimo sigillo propio nel recupero infrasettimane, nel match valido per la terza giornata, sul campo della Pool Libertas Cantù. Un filotto che ha catapultato i biancorossi in vetta alla graduatoria della categoria, in coabitazione con Ortona.

Di questo poker trionfale, addirittura tre blitz piazzati in trasferta anche su campi di Lagonegro e Mondovì. E un trend positivo inatteso, specie in un contesto molto frammentato con tante sfide posticipate per colpa dei ripetuti casi di positività da coronavirus (non ultimo, il rinvio annunciato proprio in queste ore della partita che i santacrocesi avrebbero dovuto sostenere in casa contro Castellana Grotte, una delle favorite di questa serie A2).

Montagnani durante un timeout (Foto Veronica Gentile)

“La pallavolo di serie A va avanti anche se non è facile. Il protocollo a cui ci dobbiamo sottoporre include un tampone molecolare a settimana e sempre un tampone rapido prima di ogni partita. Se a questo aggiungiamo che la società per ulteriore sicurezza ha deciso di fare un tampone anche a metà settimana e, nel caso di una sospetta positività, tutto il gruppo squadra si deve sottoporre ad un ulteriore tampone, si capisce che lo stress nell’attesa del risultato quasi ogni giorno esiste e va gestito con calma e sangue freddo.

Pochi ambienti di lavoro professionali penso siano così tanto controllati. Un bel numero di gare è stato rimandato ma penso sia giusto continuare, penso sia giusto dare rispetto a chi ha investito su questa stagione conoscendo i rischi.

Lo sport praticamente fermo è per me una misura eccessiva e che procurerà molti problemi in tutti i campi più avanti, ma ora dobbiamo resistere e organizzarci per quando ci sarà una parziale riapertura alle attività sportive. Livorno senza sport non è la stessa.”

E sull’ottima partenza dei suoi ragazzi, non prevista dai cosiddetti addetti ai lavori ma al contrario preparata meticolosamente da Montagnani:

“Ci siamo presi dei rischi ma comunque sempre nell’ottica di dare uno spettacolo che, anche se solo via internet, a chi è a confinato a casa. I risultati per ora ci dicono che siamo in un ottimo momento: ho una squadra con un ottimo talento, che gioca una pallavolo spettacolare e che soprattutto lavora con impegno e metodo per migliorare.

Abbiamo vinto le prime quattro partite e non vediamo l’ora di misurarci con le squadre più forti, quelle con chiare ambizioni.

Pensare che qualcuno non ci aveva neanche menzionato tra le prime otto formazioni del ranking”

📸 Lupi S. Croce