Back

Rugby, Coppa Italia: esordio con Colorno per Mannelli e Batista

Condividi questo:

Dopo quasi sette mesi dal giorno della sospensione definitiva della stagione 2019/2020, il rugby italiano è tornato in campo, con il primo turno della Coppa Italia 2020/21, riservata alle squadre iscritte al Peroni TOP10. Nel girone 2, sabato scorso, a Padova, di scena l’HBS Colorno, imbottito come noto da giovani giocatori livornesi. Gli emiliani, sul terreno dei veneti dell’Argos Petrarca, hanno ceduto 53-12. Utilizzati dal tecnico dei parmensi Prestera, anche gli ex Granducato Albert Einstein Batista, subentrato al 9’ della ripresa al posto del trequarti ala Bronzini, e Edoardo Mannelli, titolare in terza linea e poi costretto suo malgrado ad uscire dal rettangolo di gioco, già nel corso del primo tempo, per infortunio.

La vittoria dei petrarchini rientrava nella logica del pronostico: il Colorno, che ha sposato la linea verde, è consapevole di dover lottare nella fascia bassa della classifica del nuovo massimo campionato domestico (in questa annata riservato a sole dieci squadre). I livornesi Batista e Mannelli sono validi atleti classe 2000 e, al pari di altri due giocatori labronici, il loro coetaneo Rocco Del Bono (mediano di apertura nel giro della nazionale seven) e Simone Gesi (classe 2001 sportivamente nato e cresciuto nel Livorno Rugby, apertura/trequarti attivo nella nazionale under 20) sono passati questa estate in forza al Colorno. Il terzetto Batista – Mannelli – Del Bono ha cominciato l’attività nelle rappresentative propaganda del Livorno Rugby. I tre sono passati, nel 2015, nel Granducato, la franchigia che, grazie alla stretta e proficua collaborazione tra i Lions Amaranto Livorno e gli Etruschi Livorno, proprio quell’anno prese corpo. Nel 2018 Batista e Del Bono – tesserati Etruschi – sono stati poi selezionati nell’Accademia FIR ‘Ivan Francescato’, mentre Mannelli – figlio d’arte, tesserato Lions – è passato ai Medicei Firenze.

📸 Colorno Rugby