Back

Rugby: Mori e Lucchesi battuti ma con la gioia della meta in PRO14 (VIDEO)

Condividi questo:

Per le due compagini italiane impegnate nella massima rassegna internazionale per club sono arrivate altre sconfitte sul campo (Parma battuto 18-16 al Rodney Parade di Newport contro i Dragons, Treviso superato in casa a Monigo con onore dai campioni in carica del Leinster) anche nella seconda giornata di Guinness Pro14 versione 2020-21.

Eppure per le due ‘next big thing’ della palla ovale livornese e azzurra, le soddisfazioni non sono mancate. Federico Mori e Gianmarco Lucchesi infatti non smettono di stupire e soprattutto crescere agonisticamente, procedendo curiosamente a braccetto: dopo la conferma nel giro della nazionale maggiore con la chiamata per il raduno preparatorio in ottica Sei Nazioni, entrambi sono andati a segno con le maglie di Benetton e Zebre, regalandosi una gioia individuale.

Due mete che hanno fatto saltare sul divano i tanti appassionati collegati labronici che hanno tifato guardando le dirette dei match via streaming.

Mori, già a segno al debutto in PRO 14 un anno fa a Edinburgo, autore di un’ottima prestazione, partito nel quindici iniziale e rimasto in campo sino al termine, ha messo il suo sigillo peraltro in un momento delicato della sfida, con i ducali in inferiorità numerica (Mattia Bellini gioca con le mani da terra) e sono nel punteggio, proprio al 42′ sull’ultima palla del primo tempo. “Davies perde malamente un ovale su cui si fionda Federico Mori, che riporta a suon di calcetti e corsa straordinaria l’ovale sin oltre la linea di meta avversaria, per la meta che – trasformata da Canna – manda i ducali alla pausa lunga sotto solo di cinque lunghezze (15-10).” racconta il sito specializzato onrugby.it. Per Lucchesi invece, ingresso in corsa dalla panchina a metà del secondo tempo ma subito il tallonatole biancoverde protagonista, sino alla segnatura che tiene viva e in equilibrio la sfida sino all’ultimo. “Il 18-30 che matura va a anestetizzare il match, ma proprio quando sembra finita il Benetton reagisce. Il forcing dei biancoverdi rimette all’angolo Leinster, che deve cedere ancora una volta al drive dei padroni di casa guidato dal tallonatore dei veneti, che questa volta si traduce nei lineamenti del subentrato  Lucchesi. Meta e conversione: Garbisi non sbaglia convertendo bene verso i pali. Si va sul 25-30 a cinque minuti dal termine.” racconta ancora onrugby.it.

Il VIDEO della meta di Lucchesi si può vedere QUI