Back

Picchi, che beffa! Amaranto ancora in Promozione, sperano nel ripescaggio. Piombino in Eccellenza

Condividi questo:

Il tanto atteso Comunicato Ufficiale del Comitato Regionale Toscana è arrivato, proprio nell’ultimo giorno della stagione 2019-2020. Una stagione particolare, unica nel suo genere e con tutte le decisione per promozioni e (non) retrocessioni, prese fuori dal campo, come nessuno sportivo mai si augurerebbe. Il comunicato tanto, troppo, atteso, vede sorridere alcune livornesi mentre al momento il destino è amaro per l’Armando Picchi. Ma andiamo con ordine.

L’Atletico Piombino è ufficialmente in Eccellenza per la prossima stagione, la società nerazzurra è promossa “per ampliamento organico campionato eccellenza stagione sportiva 2020-2021”, in quanto “classificata al secondo posto al momento dell’attività”. Può quindi brindare il sodalizio del presidente Spagnesi per il ritorno in Eccellenza dopo un solo anno dalla nefasta retrocessione del maggio 2019.

Al contrario, invece, le decisioni degli organi federali non premiano l’Armando Picchi che in un primo momento sembrava favoritissima in promozione come anche la società aveva annunciato sui propri profili social. I bianco amaranto al momento sono secondi nella graduatoria di ripescaggio alle spalle del Pontassieve, altra finalista di Coppa Toscana insieme al Picchi (come si può leggere nella foto allegata). L’organico dell’Eccellenza per adesso è completo con 36 squadre ai nastri di partenza, ma per la società di Banditella non è ancora detta l’ultimo parola, assolutamente.

Un eventuale ripescaggio (probabile) della Sinalunghese in serie D spianerebbe la strada al Pontassieve, mentre per il Picchi resta da sperare che almeno una squadra (o due, se la Sinalunghese non viene ripescata) non riesca ad iscriversi. Le società in difficoltà nel post-Covid son tante, una su tutte il San Gimignano che ha espresso pubblicamente i propri problemi societari, ma i neroverdi non sono i soli e nelle prossime settimane potrebbero esserci novità importanti.

L’Armando Picchi rimane alla finestra in trepidante attesa, pronto a rialzarsi dopo una delusione che nessuno si aspettava a Banditella, ma ancora speranzoso di poter giocare un campionato che i bianco amaranto per risultati, storia e valori meriterebbero di giocare.