Back

Calcio minore: deciderà il CRT. Per la PLS la Serie D è una formalità e il Castiglio vede la Promozione

Condividi questo:

Il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, andato in scena oggi pomeriggio in videoconferenza, ha messo a punto le proposte che saranno al vaglio del prossimo Consiglio Federale, tutte votate all’unanimità. Un passaggio fondamentale per quanto riguarda la conclusione del campionato nazionale (serie D) e quelli regionali. Tenendo da parte per un attimo la serie D, che non vede coinvolte squadre livornesi, per quanto riguardi campionati di ordine regionale la decisione è sorprendente.

In Consiglio Direttivo, infatti, ha affidato la decisione al Presidente Sibilia di richiedere un mandato affinché i criteri relativi alla conclusione dei campionati siano a base regionale. Il fatto “clamoroso” sta proprio qui, perché così facendo non ci sarà uniformità nelle decisioni tra le differenti regioni.

C’è quindi grande attesa per la decisione del massimo organismo della FIGC sulle varie proposte avanzate dalla LND. Se quanto detto prima fosse confermato, ci sarebbe il via libera per il Comitato Regionale Toscano che deciderebbe così il sistema promozioni-retrocessioni per i campionati dilettantistici regionali, dall’Eccellenza in poi.

LA SITUAZIONE DELLE LIVORNESI

Proprio l‘Eccellenza è la categoria dove sono puntati i principali riflettori del calcio livornese, vista la prima posizione nel girone A della ProLivornoSorgenti che, stando alle ultime indiscrezioni, è praticamente in serie D. Questo perché la decisione di far salire la prima classificata di ogni campionato è una decisione sacrosanta e nessuno ad oggi si è espresso in senso contrario, tant’è che tra gli addetti ai lavori, appunto, è considerata cosa praticamente fatta.

In Promozione, le notizie arrivate in mattinata non sarebbe altrettanto rosee per le squadre labroniche perché l’Atletico Piombino, secondo nel girone C, non riuscirebbe a salire di categoria e dovrebbe sperare nel ripescaggio, proprio come l’Armando Picchi, finalista di Coppa Italia. Il rammarico soprattutto per i nerazzurri è grande, perchè la squadra di Manuel Madau era -2 dalla capolista Certaldo con un calendario piuttosto favorevole.

In Prima Categoria, le ultimissime premiano il Castiglioncello che secondo le indiscrezioni salirebbe in Promozione, in quanto finalista di Coppa Toscana, competizione che permette in caso normale alla vincente di salire di categoria, mentre in Promozione dove era arrivato il Picchi, in caso di vittoria, permette solo un posto agli spareggi playoff: questo il motivo della differenza tra le due ipotesi. Anche in Prima Categoria una livornese al momento rimarrebbe tagliata fuori in maniera beffarda ed è il Venturina. La squadra biancoceleste è la migliore seconda di tutti e sei i gironi e dovrebbe quindi sperare in un ripescaggio che vedrebbe candidatissima la squadra termale, nel caso di un posto vuoto, in quanto come detto ben piazzata in classifica e poi con un ottimo settore giovanile alle spalle.

Detto questo di ufficialità ancora non ce ne sono, anche se, come detto, alcune decisioni sono pressoché una formalità. Resta da attendere la decisione del Consiglio Federale sulle proposte avanzate dalla Lega Nazionale Dilettanti ed il prossimo appuntamento è per lunedì 25 maggio, quando il Presidente della LND Toscana, Paolo Mangini terrà una diretta facebook rivolta a tutte le società del calcio dilettantistico toscano per nuove informazioni.