Back

Libertas Runners ‘studia’ da grande: accordo quadriennale con UniCusano

Condividi questo:

Una partnership importante, un connubio naturale come quello che lega la città di Livorno ai successi ottenuti nel tempo dei propri atleti in qualsiasi disciplina sportiva. Parliamo dell’ accordo economico e di sponsorizzazione che per quattro anni legherà la prestigiosa Università telematica Niccolò Cusano a un sodalizio storico della città dei Quattro Mori come l’Atletica Libertas Runners Livorno: la stretta di mano simbolica tra il Presidente della società amaranto Giovanni Giannone e il Presidente dell’Università romana, il Dottore Stefano Ranucci, è avvenuta quest’oggi nel corso di una conferenza stampa ospitata nel prestigioso contesto dell’ex Teatro Lazzeri di recente riapertura.

Di fronte a media, simpatizzanti e semplici appassionati, si è formalizzato così un annuncio che riempie di gioia e di orgoglio i tanti dirigenti, tecnici e atleti: presenti, oltre al Sindaco Luca Salvetti, l’ostacolista Mattia Contini e il marciatore Gianluca Picchiottino, entrambi nazionali azzurri nelle rispettive specialità e tesserati, oltre che per i gruppi sportivi, anche per la società che li ha lanciati tra i grandi del ‘track and field’. 

Un incontro fisiologico quello tra Livorno e una delle principali università telematiche in Italia, un Ateneo all’avanguardia sul fronte dell’e-learning a distanza, riconosciuto dal MIUR dal 2006 e forte di ben 30mila studenti iscritti attivamente a 25 corsi di laurea nelle aree più disparate. Il fondatore Stefano Bandecchi, protagonista già 5 anni orsono di una trattativa con Aldo Spinelli per rilevare gli amaranto del pallone poi non andata in porto, è difatti legato a doppio filo alla città dov’è nato: originario del quartiere Shanghai, ha praticato da ragazzo anche il camposcuola Martelli proprio con la maglia della Libertas, allenato al tempo dall’attuale Direttore Tecnico Silvio Laudani.   

“L’importanza di abbinare il nome di una società sportiva che vanta ben 73 anni di proficua attività con i ragazzi a quello di un soggetto così importante, che punta da sempre all’accostamento tra sport e cultura per la  crescita dei giovani, non può che renderci orgogliosi e felici – ha preso la parola Giannone – Questo accordo rappresenta un riconoscimento non solo al buon lavoro svolto dalla Libertas e dai suoi dirigenti ma anche all’intero blasone di una città che rappresenta la capitale mondiale dello sport, con un tesoro impareggiabile di ben 562 medaglie conquistate tra Olimpiadi, Mondiali ed Europei delle varie discipline”. 

“E’ un onore per noi poter collaborare in questa sinergia attiva. Non si tratta semplicemente di apporre il logo su una maglia o su un cartellone. Ad esempio, ci stiamo specializzando anche in ricerche scientifiche sul campo, al fianco degli atleti stessi  – ha sottolineato Ranucci, in rappresentanza di un’azienda che è già presente nel mondo dell’agonismo di alto livello come proprietà della Ternana nel calcio e come main sponsor dell’Aurelia Nuoto, della Triathlon Posillipo, nel Paintball e nel Sailing – La nostra mission sta nella preparazione, che rappresenta la chiave del successo, portare avanti di pari passo cultura e sport. E la formazione a distanza, per un professionista chiamato ad allenarsi quotidianamente anche più volte il giorno o a spostarsi di frequente per competere, rappresenta una necessità fondamentale”. 

Il progetto di durata quadriennale prevede infatti anche delle borse di studio per gli atleti che decidono di intraprendere anche un percorso di tipo universitario parallelo a quello sportivo.

“Era nel destino che UniCusano incontrasse Livorno. Dal canto mio, ho sempre apprezzato le strategie di marketing dell’ Ateneo collegate al mondo sportivo, come ad esempio la pagina fissa che per un bel po’ di tempo ha trovato spazio su un quotidiano importante come Il Corriere dello Sport – ha ricordato il Primo Cittadino Luca Salvetti – Lo Sport è un veicolo ideale per promuovere il brand Livorno al di fuori dei nostri confini. Dall’Amministrazione Comunale c’è la massima disposizione ad affiancare un percorso così importante, per esempio nel processo già avviato di manutenzione e modernizzazione del camposcuola, attraverso alcuni interventi essenziali. Oppure con la valorizzazione di iniziative popolari come sarà la notte bianca dello sport in agenda a metà luglio prossimo, quando esibizioni di tutte discipline saranno concentrate intorno all’area degli impianti” .

Presente anche Claudio Marchetti, vice presidente di FIDAL Toscana, che ha portato il saluto anche del numero uno dell’Atletica Leggera nazionale Alfio Giomi, la cui lettera di congratulazioni è stata letta nel corso della presentazione. All termine dell’incontro è stata consegnato anche un ingrandimento di una foto autografata da un altro degli altri di punta Libertas, Davide Finocchietti, assente giustificato perchè impegnato a vincere l’oro nei 5km marcia indoor a Minsk nel meeting internazionale under 20 con la nazionale azzurra.