Back

Mori va in meta ma l’Italrugby U20 è beffata dalla Scozia

Condividi questo:

Anche contro la Scozia, nel terzo impegno dell’Italia under 20 nel ‘Sei Nazioni 2020’ di categoria, disputato ieri sera allo Stadio ‘Mirabello’ di Reggio Emilia, i talentuosi rugbisti livornesi, classe 2000, Gianmarco Lucchesi e Marco Mori sono stati impiegati per gli interi 80’. Poco più di metà gara invece per l’elbano Ion Neculai, sostituito al minuto 54 dal compagno di azzurro Hasa ma con il talento del Cavalieri Prato autore di un’ottima prova che aveva lanciato l’Italia verso un buon vantaggio.

🔵 #ItaliaU20Allo Stadio Mirabello, la Scozia si aggiudica il match superando gli Azzurrini di un punto nel finale di partita#ITAvSCO #insieme #rugbypassioneitaliana

Pubblicato da Federazione Italiana Rugby su Venerdì 21 febbraio 2020

Gli altri due labronici – entrambi ‘maturati’ nel Granducato per tre stagioni fianco a fianco (prima tra Etruschi e Lions) e da tempo nel giro azzurro – si sono messi nuovamente in piena luce. Mori addirittura, con la casacca numero 13 di trequarti centro, ha siglato anche una bella meta, quella del ritrovato vantaggio italiano (14-12) al minuto 24′ della prima frazione. Lucchesi, in campo anch’esso sin dall’inizio in maglia numero 2 di tallonatore, ha confermato di aver recuperato alla grande dal lungo stop per il grave infortunio occorsogli proprio poco più di un anno fa all’esordio con la selezione under 20 nel Sei Nazioni.

6 Nazioni U20 2020, terza giornata Italia v Scozia Reggio Emilia, Stadio “Mirabello” – venerdì 21 febbraio

6 Nazioni U20 2020, terza giornataItalia v ScoziaReggio Emilia, Stadio “Mirabello” – venerdì 21 febbraio

Pubblicato da Federazione Italiana Rugby su Martedì 18 febbraio 2020
DAL MINUTO 31 si può rivedere la splendida meta di Mori

Dopo il blitz firmato in Galles (favoloso successo degli azzurrini, 7-17) e il ko subito solo in rimonta contro la Francia (i transalpini, in modo faticoso, si erano imposti 31-19), arriva il secondo stop per l’Italia ma anche questo patito solo a causa di un vistoso calo atletico nel finale, con gli ospiti che sono riusciti a mettere la freccia al minuto 73 grazie alla meta di Boyle e alla trasformazione di Paterson. Un po’ di amaro in bocca per i tre labronici e i loro compagni d’avventura, anche se alla fine l’Italia ha comunque mosso la classifica ( due punti, doppio bonus).

QUI si può leggere la CRONACA del match nel dettaglio

Italia v Scozia 29-30 (14-12)
 Marcatori:  p.t. 11’ m. McGhie (0-5), m.16’ Zuliani tr Garbisi (7-5), 21’ m. McLean tr Chamberlain (7-12), 24’m. Mori tr Garbisi (14-12); s.t. 42’ cp Garbisi (17-12), 45’ cp Chamberlain (17-15), 52’ m.Trulla tr Garbisi (24-15), 54’ cp Chamberlain (24-18), 60’ m Mba (29-18), 67’ m McCallum (29-23) , 74’ m. Boyle tr Paterson (29-30)
 Italia U20: Trulla (77’Brighetti); Borin, Mori, Bertaccini, Mba (75’Baldelli); Garbisi (cap), Albanese (71’Visentin); Cannone, Zuliani, Meggiato (60 Ikezor); Zambonin, Favretto (60’ Cucinotta); Neculai (54’ Hasa), Lucchesi, Drudi.
 All. Roselli
 Scozia U20: Smith; McLean, Currie; McCallum, Henry (60’ Paterson); Chamberlain (60’ Scott), McGhie (52’Frostwick); Darge, Boyle, Brown (52’Hill); Henderson, Watt; Wilson, Hashman, Thomas.
 All. Lineen
 Arbitro: Adam Jones (Wales)
 Calciatori: Garbisi (Italia U20) 4/5 ; Chamberlain (Scozia U20) 3/4, Paterson (Scozia U20) 1/3
 Cartellini: 73’ giallo a Hasa (Italia U20)
 Note: serata fredda, circa 8 gradi. Presenti circa 2000 spettatori.
 Punti conquistati in classifica: Italia U20 2; Scozia U20 5
 Player of the Match: Connor Boyle (Scozia U20)

📸 INPHO / Matteo Ciambelli per sixnationrugby.com